birra fatta in casa con il metodo estratto
Devi15

Devi15

Birra fatta in casa, metodo estratto

Eccoci alla seconda puntata su come fare la birra in casa.

Dopo aver visto come si fa la birra con il classico kit birra se vogliamo fare un passo in più possiamo cimentarci con lo step successivo che prevede l’aggiunta al nostro preparato di alcuni ingredienti birra per rendere la nostra birra fatta in casa un po’ più completa e piacevole. Stiamo parlando della tecnica E+G (estratto più grani) ed è la soluzione intermedia fra la tecnica base con solo estratto e quella successiva e più completa detta All-grain. Con questa tecnica potremo usare ancora il nostro kit fermentatore birra ma dovremo dotarci di altri utensili per produrre la nostra birra. Ci serviranno dei filtri di lino per l’infusione dei luppoli, un filtro metallico e un mulino per macinare i grani da aggiungere all’estratto. Si possono, in alternativa, acquistare i grani già macinati o se siamo fortunati e abitiamo nelle vicinanze di un birrificio artigianale chiedere per la macinatura.

Come nel caso della birra fatta con estratto, anche in questo caso si tratta di un metodo relativamente semplice, solo con qualche passaggio in più ma che ci darà la possibilità di personalizzare maggiormente le nostre birre.

birra fatta in casa con il metodo estratto

Per iniziare macinate i grani e riempite una pentola con cira 15/18 litri di acqua e fate scaldare. Quando avete raggiunto la temperatura di circa 68°/70° mettete i malti macinati nella pentola e mescolate. In alternativa potete meterli in infusione usando dei sacchetti di tela o lino ed in questa maniera potrete rimuoverli più agevolmente. Lasciate in infusione per almeno 40 minuti dopodichè se avete usato i sacchetti vi basterà rimuoverli avendo cura di strizzarli per bene versandoci su acqua calda per estrappolare più aromi possibili, altrimenti dovrete separare il mosto dai grani avvalendovi di un filtro metallico usando sempre acqua calda per ottenere maggior resa.

Ottenuti i vostri 20 litri di mosto versate l’estratto nella pentola e procedete con la bollitura avendo cura di rabboccare con altra acqua calda nel caso evapori troppo mosto. Dopo circa 60 minuti, raggiunta l’ebollizione del mosto, potrete cominciare ad inserire i sacchetti di luppolo. Il primo luppolo inserito conferirà l’amaro nella vostra birra, quelli aggiunti successivamente e nei trenta minuti finali doneranno aroma e profumi. In questa fase e se volete ulteriormente personalizzare la vostra birra potete aggiungere delle spezie o zucchero candito.
Fate raffreddare il mosto immergendo la pentola in acqua fredda senza togliere i sacchetti di luppolo. Per rendere più veloce questa operazione potete dotarvi di una serpentina in acciaio  da immergere nel mosto o di uno scambiatore a piastre. Se utilizzate la serpentina immergetela nel mosto almeno 10 minuti prima della fine della bollitura in modo da sterilizzarla ulteriormente.

A questo punto togliete i sacchetti di luppolo e travasate il mosto nel fermentatore mixandolo con dell’acqua fredda. Raggiunti i 23 litri prelevate un campione di mosto e con l’ausilio di un densimetro misurate la densità iniziale. Mescolate per bene.

Se la temperatura è compresa fra i 20 ed i 26 gradi è giunto il momento di aggiungere il lievito , dopodiché mescolate energicamente con un mestolo. Tappate il fermentatore e posizionate il gorgogliatore col relativo sanificante. La fermentazione dovrebbe partire nell’arco di un paio di ore ed è molto importante che in questo periodo la temperatura si mantenga sui 20 gradi.

Dopo 7/10 giorni, a fermentazione ultimata prelevate un campione di mosto e misurate la densità finale. A questo punto sarete pronti per imbottigliare aggiungendo con un misurino dello zucchero (priming).

Lasciate riposare la birra in bottiglia per almeno 14 giorni.

Finalmente è arrivato il momento di assaggiare la vostra birra fatta in casa e se siete soddisfatti potrete continuare a produrre birre con questo metodo altrimenti seguiteci nel prossimo articolo per scoprire il prossimo step della produzione all-grain.

CONDIVIDI

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su email